Parnaso degl' Italiani viventi, Volumen3,Página 3

Portada
Nuova Tipografia, 1798

Dentro del libro

Comentarios de la gente - Escribir un comentario

No encontramos ningún comentario en los lugares habituales.

Páginas seleccionadas

Otras ediciones - Ver todas

Términos y frases comunes

Pasajes populares

Página 152 - Obscurata diu populo bonus eruet atque Proferet in lucem speciosa vocabula rerum, Quae priscis memorata Catonibus atque Cethegis Nunc situs informis premit et deserta vetustas ; Adsciscet nova quae genitor produxerit usus. Vehemens et liquidus puroque simillimus amni 120 Fundet opes Latiumque beabit divite lingua...
Página 68 - Who, you all know, are honourable men : I will not do them wrong ; I rather choose To wrong the dead, to wrong myself, and you, Than I will wrong such honourable...
Página 144 - Bioneis sermonibus et sale nigro. 60 tres mihi convivae prope dissentire videntur, poscentes vario multum diversa palato. quid dem? quid non dem? renuis tu, quod iubet alter; quod petis, id sane est invisum acidumque duobus.
Página 32 - Da gran tempo la più sana parte delle persone di gusto s'è accorta che moltissime regole stabilite dai Critici son false, giacché si trovano smentite dalla natura. I Poeti più illustri consultando solo questa gran maestra, e ignorando o disprezzando le regole, son giunti a toccare gli animi sensibili, anche peccando contro le critiche leggi.
Página 61 - L' error de' ciechi che si fanno duci ! Questi fu grande appunto , perché il freno Servii dell' arte non legò giammai A lui le infaticabili e ritrose Impazienti penne. Arte infelice Quando a natura contrastare ardisce, E imprigionarla tenta , e farla serva : Guarda che possa l
Página 161 - Herodis palmetis pinguibus, alter dives et importunus ad umbram lucis ab ortu 185 silvestrem flammis et ferro mitiget agrum, scit Genius, natale comes qui temperat astrum, naturae deus humanae, mortalis in unum quodque caput, vultu mutabilis, albus et ater.
Página 34 - Ariosto, condannano poi questi poeti, perchè hanno peccato contro le regole di Aristotele. Voi, Signora, avete avuto il coraggio di scuotere questo giogo servile, e dall' autorità dei nomi illustri vi siete appellata alla natura, avete interrogata lei sola facendo tacere i pregiudizi; ed ella vi ha risposto collo stesso semplice , ma sublime linguaggio , col quale è usata di parlare ai gran poeti, e non già con quello , che nel silenzio delle passioni hanno immaginato a lor senno i freddi legislatori...
Página 147 - Or va' , medita i versi , e il debol fianco Strascica , e il colle d' Elicona ascendi Quando il capo e il polmon ti senti stanco, E il divin fuoco delle Muse accendi Fra gli urti , le minacce ed i rumori D'asini, di carrozze e seccatori. Fuggono i versi il fremito , il fracasso Delle cittadi , amai) le verdi sponde . Là dove mormorando esce da un sasso II fonte , e in rauco suon l' aura risponde , I seren delle Corti (i), e l'ombre umili Di Mezzomonte , ei Fiesolani colli.
Página 35 - ... ozio della campagna , a quella dolce violenza , colla quale V estro ci comanda , ed ho scritto i seguenti versi , né quali ìion si trova di pregevole che le lodi di Shakespeare ., e il vostro nome. Sperando frattanto , che il desiderio di esprimere tutta la venerazione, che professo a quel divino poeta ed al vostro merito , farà trovar qualche scusa presso di voi , e de vostri illustri concittadini a" miei deboli versi 3 col più profondo ossequio ho l'onore di dirmi.
Página 64 - E allo spirar dell'aura insiem confusi Gli animali ondeggiar, le piante, i sassi. In rozze sì ma ricche e maestose Spoglie dispiega la sublime faccia, E le maschie bellezze, e il vero e il grande Spettacol che sorprende, e occupa i sensi La Natura anche incolta, e sì trionfa Dell'arte che imitarla invan si sforza, E indarno il debol suo vigor coi vani Ingegnosi ornamenti, e lo studiato Ordine e simmetria nasconder tenta. Dunque invan...

Información bibliográfica