La Sardegna prima del dominio romano: Studî storici ed archeologici di Ettore Pais

Portada
R. Accademia dei Lincei, 1881 - 120 páginas
0 Opiniones
 

Comentarios de la gente - Escribir un comentario

No encontramos ningún comentario en los lugares habituales.

Páginas seleccionadas

Otras ediciones - Ver todas

Términos y frases comunes

Pasajes populares

Página 76 - Neque ego, cum de vitiis gentis loquor, 44 neminem excipio; sed a me est de universo genere dicendum, in quo fortasse aliqui suis moribus et humanitate stirpis ipsius et gentis vitia vicerunt.
Página 61 - Hinc hominum pucudumque lues, hinc pestifer a«r ca zugekehrten Theile sind eben und fruchtbar ; von hier führte man massenhaft Korn aus: Sardinien war eine der Vorrathskammern des...
Página 5 - Prefaz.. nel principio di questo (secolo XIX) un dotto scrittore tedesco, 1' Heeren (Ideen, II i, pg. 75), dichiarava che pochi paesi e nell'antichità e nella modernità sono rimasti così ignoti come questo >>. Ed in linea generale è così; ma a parte che dopo la Sicilia, la nostra è pure la sola fra le grandi isole del Mediterraneo di cui si può tessere la storia, è pur vero che le attestazioni non mancano e sono abbastanza generose per l'unico aspetto sotto cui la Sardegna...
Página 70 - Sardegna una moneta regionale nella quale da un rovescio viene rappresentato il pretore Azio Balbo e nell'altro la testa di Sardus pater, ornata di un elmo sopra del quale vi è chiaramente disegnato un modio, che non manca in molte monete parimente punico-romane di antiche città puniche sulle coste dell'Africa settentrionale, le quali offrono una notevolissima rassomiglianza con la nostra anche per il tipo della divinità ('). (') Liv.
Página 64 - Ma se non m'inganno tali osservazioni non sono affatto giuste, poichè se i Cartaginesi fossero stati pieni padroni della Sardegna avrebbero impedito affatto l'accesso all'isola come lo impedivano al paese posto al di là del Capo bello, che essi consideravano veramente come proprio. E che essi si sarebbero comportati così lo prova anche il secondo trattato del 348 a. C. fra Koma e Cartagine, riferito dallo stesso Polibio (*), nel qual tempo i Cartaginesi erano pieni padroni della Sardegna.
Página 69 - Balarorum auxiliis, pacatam provinciam invaserant nec eis in valido excercitn et magna parte pestilentia absumpto resisti poterat, eadem et Sardorum legati nuntiabant orantes ut urbibus saltem - iam enim agros deploratos esse- opem senatus ferret, haec legatio totumque quod ad Sardiniam pertinebat ad novos magistratus reiectum est.
Página 74 - Sardi preso da ciò coraggio si ribellarono contemporaneamente, ma Cartagine seppe rialzare la sua fortuna, vincere i Libi e riconquistare la Sardegna ('). Diodoro nomina gli abitanti della Sardegna, ma non risulta se egli intenda parlare degli abitanti delle parti centrali dell...
Página 24 - N. i quali avevano pure un terzo piano; a tali stanze superiori si sale per mezzo di una scala a spirale praticata nello spessore del muro e che termina in una piattaforma o terrazzo con la quale finisce pure il monumento, Le stanze interne hanno la forma ogivale, il che è stato ottenuto con il far rientrare in dentro gli strati ed i giri dei sassi di guisa che accostandosi mano mano e rendendosi sempre più piccola la periferia del cerchio è possibile chiudere la volta con una grossa lastra superiore...
Página 60 - Sardegna, se ne dovettero allontanare, tostochè sorse la lega etrusco-cartaginese fra i cui patti ci doveva essere, per quanto pare, la rinunzia da parte degli Etruschi ad ogni ingerenza nella Sardegna, mentre da parte dei Cartaginesi si doveva riconoscere l...
Página 97 - Sardegna, finirò con il ricordare essere cosa oltre modo probabile, che anche in alcune costumanze odierne dell'isole, quali il ballo insieme triste e lieto e la festa delle Erme si...

Información bibliográfica