La CiviltÓ cattolica, Volumen2,Parte1;Volumen4

Portada
CiviltÓ Cattolica, 1853 - 23 pßginas
 

Comentarios de la gente - Escribir un comentario

No encontramos ning˙n comentario en los lugares habituales.

Pßginas seleccionadas

Otras ediciones - Ver todas

TÚrminos y frases comunes

Pasajes populares

Pßgina 65 - Data est mihi omnis potestas in caelo et in terra: euntes ergo docete omnes gentes, baptizantes eos in nomine Patris et Filii et Spiritus sancti, docentes eos servare omnia quaecumque mandavi vobis.
Pßgina 631 - Alio modo dicitur aliquid cognosci in aliquo sicut in cognitionis principio ; sicut si dicamus quod in sole videntur ea quae videntur per solem. Et sic necesse est dicere quod anima humana omnia cognoscat in rationibus aeternis, per quarum participationem omnia cognoscimus. Ipsum enim lumen intellectuale, quod est in nobis, nihil est aliud quam quaedam participata similitudo luminis increati, in quo continentur rationes aeternae.
Pßgina 205 - Cant¨ qual gloria e quale felicitÓ ne avverrebbe all'Italia. Basterebbe, a nostro avviso, soltanto questa lettura per cavarne di capo la voglia a qual si fosse italiano, che serbi ancora in petto una favilla d'amor di patria. E se il Cant¨, per darsi aria di critico imparziale, non si fosse posto fuori della religione cristiana, per giudicare di questi fatti come farebbe un Cinese o un Indiano, noi diremmo che questo libro dovrebbe introdursi per cotidiana lettura nelle scuole popolane e nei ginnasii...
Pßgina 631 - ... sed sic in rationibus aeternis cognoscunt omnia beati, qui Deum vident, et omnia in ipso. Alio modo dicitur aliquid cognosci in aliquo sicut in cognitionis principio ; sicut si dicamus quod in sole videntur ea quae videntur per solem. Et sic necesse est dicere quod anima humana omnia cognoscat in rationibus aeternis, per quarum participationem omnia cognoscimus.
Pßgina 340 - Laudalo sia , o mio Signore , per suor Luna, e per le stelle: il quale in cielo le hai formate chiare e belle. Laudato sia , mio Signore , per frate vento e per Coire e nuvolo e sereno e ogni tempo: per li quali dai a tutte creature sostentamento.
Pßgina 98 - Lazzaro di Venezia. Osservazioni critiche sopra l'opuscolo intitolato: Memoria diretta a sviluppare i motivi delle imputazioni che si riproducono a carico della congregazione dei monaci armeni mechitaristi. Decr. 6 sept. 1852. Mediatore (Il), giornale settimanale politico, religioso, scientifico, letterario, diretto dal professore Carlo Passaglia.
Pßgina 340 - Here, too, in those long solitary vigils, the Spirit of God came upon him, and the spirit of Nature was even as God's Spirit, and he sang : " Laudato sia Dio mio Signore, con tutte le creature, specialmente messer lo frate sole ; per suor luna, e per le stelle ; per frate vento, e per 1' aria e nuvolo, e sereno, e ogni tempo.
Pßgina 337 - Ma perch' io non proceda troppo chiuso, Francesco e PovertÓ per questi amanti Prendi oramai nel mio parlar diffuso.
Pßgina 85 - PerchÚ pi¨ chiedere non si dee a vedere che speziale nascimento , e processo da Dio pensato e ordinato , fosse quello della santa cittÓ. E certo sono di ferma opinione che le pietre che stanno nelle sue mura , sieno degne di reverenza , e il suolo dov' ella siede ne sia degno oltre quello che per gli uomini Ŕ predicato.
Pßgina 342 - Foco , nŔ ferro , non la pu˛ partire : ]Non si divide cosa tanto unita . Pena, nŔ morte, giÓ non pu˛ salire A quell...

Informaciˇn bibliogrßfica